Una volta consegnato il piano di utilizzo o la dichiarazione di utilizzo è possibile apportare delle modifiche rispetto a quanto dichiarato?


Si, le modifiche che necessitano di aggiornamento documentale sono quelle evidenziate dalla norma come significative ed elencate al comma 2 dell'art. 15 del DPR 120/17 valide per tutti i casi di gestione delle terre e rocce di scavo come sottoprodotti.

Nel caso in cui le modifiche riguardino materiale proveniente da cantieri di piccole dimensioni o cantieri di grandi dimensioni non sottoposti a VIA o AIA l'aggiornamento della dichiarazione di utilizzo con le modalità riportate all'art. 21 comma 3) del DPR 120/17. Decorsi 15 giorni dalla trasmissione della dichiarazione aggiornata, le terre e rocce da scavo possono essere gestite in conformità alla dichiarazione aggiornata. Qualora la variazione riguardi il sito di destinazione o il diverso utilizzo delle terre e rocce da scavo, l’aggiornamento della dichiarazione può essere effettuato per un massimo di due volte, fatte salve eventuali circostanze sopravvenute, impreviste o imprevedibili.

Nel caso in cui  le modifche riguardino materiale proveniente da cantieri di grandi dimensioni, come definiti all'art. 2 comma 1) let. u), l'aggiornaemnto del piano di utlizzo avviene con le modalità indicate nell'art.15 del Decreto al quale si rimanda.

Le risposte ai quesiti non hanno valore legale e non rappresentano atto di consulenza. L’Ordine degli Ingegneri non è in alcun modo responsabile delle conseguenze dell’uso delle risposte fornite.